Terapia Manuale e Strumentale dei Trigger Point Miofasciali

CORSI ECM - TRIGGER POINT

  /  Corsi ECM  /  Terapia Manuale e Strumentale dei Trigger Point Miofasciali

Terapia Manuale e Strumentale dei Trigger Point Miofasciali

€395
  • XVI EDIZIONE, MILANO
  • SEDE: Istituto Superiore di Osteopatia, Via Ernesto Breda 120, 20126 Milano
  • DATE: 18 - 19 maggio / 22 - 23 giugno 2019
  • DURATA: 26 ore
  • DESTINATARI: medici, fisioterapisti e titoli equipollenti, studenti dell’ultimo anno dei rispettivi CdL
  • NUMERO MASSIMO PARTECIPANTI: 24
  • CREDITI ECM: 41,6
  • HOTEL CONVENZIONATI:

    Hotel Bert, Hotel St. John, Hotel Il Girasole, Hotel Hilton (chiedere della convenzione)

  • QUOTA D’ISCRIZIONE

    Entro il 20 aprile 2019: euro 323,77 + IVA (395 IVA inclusa) 
    A partire dal 21 aprile 2019: euro 344,26 + IVA (euro 420 IVA inclusa)

Terapia Manuale e Strumentale dei Trigger Point Miofasciali

corso trigger point miofasciali fisiokinesis

About this courseeltdf-lms

PRESENTAZIONE DEL CORSO

Fisio Kinesis organizza , in collaborazione con Seminarios Travell & Simons, un corso formativo in Terapia manuale e strumentale dei Trigger Points Miofasciali. 

L’accademia Seminarios Travell & Simons è una scuola di livello internazionale diretta dal Prof. Orlando Mayoral del Moral, già collaboratore di David G. Simons e considerato tra i massimi esperti a livello internazionale in materia di Trigger Point e Sindrome Dolorosa Miofasciale. Da oltre 30 anni l’accademia si occupa di formare terapisti in grado di comprendere e trattare il dolore miofasciale e combina la sua attività didattica a una prolifica attività di ricerca in ambito scientifico, vantando numerose pubblicazioni sulle più prestigiose riviste internazionali.

OBIETTIVI DIDATTICI

L’obiettivo del corso è quello di formare fisioterapisti esperti nelle tecniche di valutazione e trattamento della sindrome dolorosa miofasciale, con i seguenti obiettivi formativi:

  • Palpare e riconoscere i 30 muscoli più colpiti dalla sindrome dolorosa miofasciale, così come le ubicazioni più comuni dei trigger points.
  • Identificare le bande tese e i trigger point di tutti i muscoli studiati.
  • Provocare le risposte di spasmo locale tramite la palpazione nella maggior parte dei muscoli valutabili.
  • Provocare il dolore riferito tramite la palpazione dei trigger points.
  • Riconoscere la presenza di restrizioni della mobilità e di debolezza associate alla presenza dei trigger point miofasciali.
  • Realizzare i test globali e specifici per valutare la presenza dei trigger point nei diversi muscoli.
  • Attribuire il dolore di un paziente alla presenza di trigger points nel muscolo corrispondente grazie alla conoscenza dei pattern di dolore riferito dei suddetti muscoli e delle loro caratteristiche semeiologiche più importanti.
  • Riconoscere la presenza di trigger point attivi, latenti, primari, secondari e associati.
  • Applicare correttamente le principali tecniche di trattamento conservativo dei trigger points miofasciali. In particolare verranno presentate le seguenti tecniche di trattamento: liberazione tramite pressione / compressione ischemica manuale e con l’utilizzo del trigger pointer /approccio svizzero secondo Beat Dejung / stretch and spray / tecnica di Lewit / tecnica di Mitchell / cenni di fibrolisi strumentale.
  •  Approfondire dal punto di vista teorico alcuni importanti concetti di fisiopatologia del dolore correlati alla pratica clinica, quali i concetti di dolore riferito, dolore cronico e le modificazioni da esso indotte a livello di eccitabilità neuronale e architettura della matrice del dolore.

DOCENTE

Fabio Lodi Rizzini docente corso Trigger Point

Il corso sarà impartito dal Dott. Fabio Lodi Rizzini, laureato in Fisioterapia, Medico Chirurgo specialista in Medicina Fisica e Riabilitazione, esperto in terapia conservativa e invasiva dei disordini muscoloscheletrici nonchè docente della scuola di formazione Seminarios Travell y Simons.

PROGRAMMA DEL CORSO

Pima giornata, 9.00 – 18.30

  • TeoriaLa sindrome dolorosa miofasciale (SDM). Introduzione. Caratteristiche cliniche dei trigger point miofasciali. Classificazione: trigger point attivi, latenti, primari, secondari e associati. Patogenesi. Fattori di perpetuazione.
  • Teoria e praticaMuscolo infraspinoso: palpazione piana. Identificazione della bandelletta contratta e del trigger point miofasciale. Evocazione del dolore riferito.
    Muscolo sternocledomastoideo: palpazione a pinza. Identificazione della risposta di spasmo locale
  • Teoria. Trattamento fisioterapico conservativo della SDM: terapie manuali.
  • Teoria e pratica. Infraspinoso. Sternocledomastoideo. Elevatore della scapola. Trapezio superiore, medio e inferiore

Seconda giornata, 9.00 – 14.30

  • Teoria. Natura dei trigger point.
  • Teoria e pratica. Scaleno anteriore, medio e posteriore. Massetere. Lunghissimo e ileo-costale. Quadrato dei lombi.
  • TeoriaTrattamento fisioterapico conservativo della SDM: terapie fisiche

Terza giornata, 9.00 – 18.30

  • Teoria. Il ruolo dinamico della sensibilizzazione nel dolore muscoloscheletrico: entriamo nella matrice. La neurobiologia unica del dolore muscolare: concetti di sensibilizzazione periferica, centrale e spinale segmentaria.
  • Teoria e pratica. Muscolo iliaco e psoas. Medio e piccolo gluteo. Piriforme. Quadricipite. Gastrocnemio. Soleo. Gran pettorale. Sottoscapolare. Tricipite brachiale. Brachioradiale. Estensore radiale breve e lungo del carpo. Estensore comune delle dita. Estensore ulnare del carpo. Opponente del pollice. Adduttore del pollice.

Quarta giornata, 9.00 – 14.30

  • Teoria e praticaDeltoide. Grande rotondo. Gran dorsale. Tensore della fascia lata. Sartorio. Pettineo. Adduttori. Ischiocrurali. Spleni del collo e della testa. Muscolatura suboccipitale.

MATERIALI E METODI

Per le esercitazioni pratiche è garantita la presenza di un lettino ogni due allievi e di almeno due docenti al di sopra dei 20 iscritti.
La quota del corso comprende anche una dispensa di oltre 100 pagine con le illustrazioni dei pattern di dolore riferito dei principali muscoli colpiti dalla Sindrome Dolorosa Miofasciale.
E’ inoltre prevista la possibilità di realizzare registrazioni audio e video del corso.

Perchè scegliere proprio il nostro corso di formazione?

  1. Perché il corso è tenuto da un docente di grandissima esperienza clinica e didattica e autorizzato da Seminarios Travell & Simons.
  2. Perché il corso prevede un numero limitato di 24 partecipanti e la presenza contemporanea di almeno due docenti per garantire un proficuo rapporto docente-allievo.
  3. Perché il corso si tiene in una struttura di eccellenza, garantendo la presenza di un lettino regolabile in altezza ogni due alunni.
  4. Perchè il corso viene costantemente aggiornato in base alle più recenti acquisizioni provenienti dalla ricerca scientifica.
  5. Perchè durante il corso permettiamo agli allievi di effettuare riprese video delle dimostrazioni effettuate dai docenti, in modo da permettere un efficace ripasso delle tecniche apprese nei vari seminari.

Members

Our course begins with the first step for generating great user experiences: understanding what people do, think, say, and feel. In this module, you’ll learn how to keep an open mind while learning.

Total numbers of students in course
  • pasquale vernazzaro
  • David Isguven
  • Alberto Cerri
  • Giulia Grippo
  • Eliana Giambelluca

Registrazione utente

Recupera password